* Sabato 18 febbraio 2023: con la Dante PN a Bassano del Grappa, visite a: “Io, Canova. Genio europeo”, Musei Civici, Museo della Ceramica, Palazzo Sturm.

“Io, Canova. Genio europeo”, Museo civico di Bassano d. Grappa; nello stesso museo: I Bassano, una famiglia di pittori. Pomeriggio passeggiata per la cittadina, visita al museo della ceramica e alle…famose grapperie.

Programma:
– ore 8,30, incontro dei partecipanti presso l’Auditorium Concordia e partenza per Bassano con pullman GT, eventuali fermate in via Oberdan e alla Stazione FS.
-ore 10,30 ingresso al Museo Civico, visita guidata alla mostra: “Io, Canova. Genio europeo”.
Considerato dai contemporanei il più grande artista vivente, Antonio Canova fu celebrato come colui che aveva riportato la scultura a quelle vette sublimi che si riteneva spettassero solo alla statuaria classica. Testimone di un periodo di grandi stravolgimenti storici e politici, l’umile scalpellino di Possagno conquistò la scena artistica internazionale, misurandosi con i grandi del suo tempo e contribuendo al recupero di capolavori attraverso importanti missioni diplomatiche. Dotato di raro talento ma anche di una sensibilità artistica fuori dal comune, si rese protagonista della vita culturale europea segnando indelebilmente il gusto dell’epoca in cui visse e operò.
L’uomo, l’artista, il collezionista, il diplomatico sono i tanti aspetti messi in luce per la prima volta da questa mostra con cui i Musei Civici di Bassano del Grappa, custodi di uno dei fondi di opere e documenti canoviani più ampi e importanti al mondo, rendono omaggio al più grande scultore dell’epoca neoclassica nel bicentenario della morte. Circa 140 opere tra sculture, dipinti, disegni e libri preziosi, alcune delle quali presentate al pubblico per la prima volta, guidano il visitatore in un viaggio ideale sulle orme di Canova, dall’universo creativo del suo atelier alle grandi capitali del vecchio continente, alla scoperta degli episodi e degli incontri con i personaggi che determinarono il corso della sua vita e della storia europea.
– ore 12,30 pranzo presso l’Osteria Terraglio, a pochi passi dal museo civico.
– ore 15,30 trasferimento al Palazzo Sturm per la visita libera al Museo della Ceramica e tempo libero fino alle 17,30.
Il Museo della Ceramica dal 1992 trova sede a Palazzo Sturm, splendida dimora settecentesca che accoglie i visitatori con un pronao ionico e un salone d’onore affrescato nel 1765 dal veronese Giorgio Anselmi. La fitta decorazione di stucchi che orna alcuni ambienti costituisce una delle più rilevanti decorazioni rococò del Veneto. La raccolta di maioliche, porcellane e terraglie composta di 1200 pezzi circa è esposta cronologicamente: si parte dai frammenti più antichi di ceramica medievale alle maioliche dei Manardi (XVIIXVIII secolo); la testimonianza più consistente è rappresentata dalla produzione degli Antonibon (XVIII-XIX secolo). L’ampia veranda offre una cornice appropriata alla terraglia di gusto eclettico, mentre la vecchia cucina espone i piatti popolari e il piano inferiore raccoglie opere di artisti di fama internazionale. Il Museo si è ampliato nel 2010 grazie al prezioso lascito di manufatti ceramici del Marchese Roi.
– ore 17,30 incontro dei partecipanti al punto convenuto e partenza per il rientro a Pordenone, arrivo previsto per le 19 circa.

Iscrizioni entro il 6 febbraio presso la segreteria della Dante: lunedì e giovedì ore 16,00 – 18,00, tel 0434 081249, cell. 334 251 8448.
Quota di partecipazione per min 20 – max 26 partecipanti, per i soci: 85 €, per i non soci: 90 €, da versare all’atto dell’iscrizione.